Come si scrivono le partecipazioni di matrimonio

La domanda è classica e se la fanno tutti almeno una volta nella vita: ma come si scrivono le partecipazioni nozze? Le partecipazioni o  inviti di nozze sono un biglietto, solitamente inviato per posta o recapitato a mano, che i futuri sposi inviano ai loro ospiti per invitarli alle nozze.

Solitamente sono composte di due parti: la partecipazione vera e propria, nella quale si trova l’annuncio del matrimonio con l’invito a prendere parte alla cerimonia nuziale, e l’invito al ricevimento. Sono divise in due parti di modo che gli sposi possano invitare alcuni ospiti solo alla cerimonia.

Come si scrivono le partecipazioni di matrimonio?

Esistono varie formule per scrivere le partecipazioni di nozze, da quelle più classiche a quelle più moderne.

Modello Classico: È usato per i matrimoni che si richiamano fortemente alla tradizione. Sono i genitori ad annunciare le nozze dei figli, e l’invito riporta l’indirizzo di entrambe le famiglie. Viene usato sempre meno, poiché la convivenza pre-matrimoniale rende inadatta ed obsoleta la formula del doppio indirizzo.

Modello all’americana: sono sempre i genitori ad annunciare le nozze della sposa con lo sposo. Il nome di lei precede rigorosamente il nome di lui.

Modello Moderno: sono gli stessi sposi ad annunciare le nozze, in modo informale e a volte anche con un pizzico di spirito. Negli ultimi anni – fatta eccezione per i matrimoni classicissimi e tradizionalissimi, è diventato il modello più diffuso.

 

Quando si inviano le partecipazioni di nozze.

Andrebbero inviate almeno 2, 3 mesi prima della data delle nozze, questo per poter avere una risposta in tempi abbastanza ragionevoli da lasciare il tempo agli sposi di completare gli ultimi accordi con il ristorante, la villa del ricevimento, le bomboniere.

Se il matrimonio prevede l’invito di persone che vengono dall’estero, o se presuppone da parte degli invitati un’attenzione particolare negli spostamenti (ad esempio un matrimonio in una località turistica particolare, su un’isola, in montagna) sarebbe meglio comunicarlo ancora più in anticipo così da poter lasciare il tempo necessario all’acquisto di voli aerei, prenotare alberghi e spostamenti.

Quante ne vanno spedite?

Uno degli errori più comuni fatti dagli sposi è quello di ordinare un numero troppo grande di partecipazioni di nozze. Le partecipazioni vengono mandate per ogni “nucleo” di invitati, ovvero una per coppia, una per famiglia, e non una per persona. Normalmente si considera il 60% degli invitati (su 100 invitati, ordinare 60 partecipazioni).

 partecipazioni di matrimonio_0007_partecipazioni-di-matrimonio-musica

Cosa vuole dire “RSVP”?

E’ la sigla di Répondez, s’il vous plaît, che in Francese significa “Rispondete, per favore”. E’ una sigla che si scrive nel corpo della partecipazione, o in un biglietto separato, che invita gli ospiti a dare una risposta in merito alla loro partecipazione alle nozze. Spesso viene accompagnato da una data, RSVP entro il 23 Marzo 2016, in quel caso gli sposi chiedono di far avere una risposta entro quella data.

 

Cos’è il “Save the date”?

 Usanza molto anglosassone, ma in larga diffusione anche in Italia, è un biglietto che viene mandato con largo anticipo rispetto alle partecipazioni, e che serve a comunicare ai futuri ospiti solo la data del matrimonio in modo tale da permettere di “salvare la data” e non prendere impegni futuri.

partecipazioni-di-matrimonio-inviti-di-nozze-modello-foto-personalizzabile_modello_f_01

 

 

Le varie formule.

Per annunciare la data delle nozze, ci sono diverse formule che è possibile utilizzare all’interno delle partecipazioni, tra cui:

Annunciano le proprie nozze”

Annunciano il proprio matrimonio”

Si uniranno in matrimonio”

Ci sposiamo!”

Con grande gioia annunciamo il nostro matrimonio (o le nostre nozze)”

Finalmente ci sposiamo”

 

 

Lo stile grafico, le tecniche di stampa. 

La scelta dello stile grafico, delle tecniche di stampa, della carta dipendono principalmente dal gusto degli sposi.

Tradizionalmente le partecipazioni venivano stampate su carta tagliata a mano, di una grammatura importante, con caratteri molto classici stampati su un solo colore – spesso il nero o l’oro.

 

Oggi le tipologie di prodotto sono molteplici, e i vari produttori si sono sbizzarriti in tantissimi modelli dai più classici a quelli più originali.

 

Le partecipazioni classiche, stampate in tipografia con tecnica “Letterpress”.

Prevedono l’utilizzo di una carta ricca di cotone, di una grammatura medio alta. Spesso si preferisce usare un solo colore per la stampa, o una combinazione di due a contrasto. Vengono stampate in tipografia utilizzando una tecnica tradizionale che richiede la produzione di un clicquè di stampa in metallo.

 

Le partecipazioni economiche, stampate in copisteria o in centri online di basso prezzo.

Sono un prodotto molto economico, di qualità scadente. Vengono spesso proposte da centri stampa di quartiere oppure da grandi catene online a prezzi molto vantaggiosi. Sono basate su modelli preconfezionati e vengono stampati su carte non pregiate.

 

 

2018-01-30T15:36:29+00:00 gennaio 12th, 2018|blog|0 Comments

Leave A Comment

Call Now Button